1

antenna cellulari

TORINO -09-08-2019- L'Istituto Superiore di Sanità ha escluso collegamenti fra tumori e cellulari e tecnologia 5G. "Finalmente l'Istituto Superiore di Sanità blocca ogni bufala e tutte le fake news su 5G, radiofrequenze, WiFi, uso dei cellulari e relativi problemi per la salute. Uncem sceglie la scienza e i documenti del più autorevole Istituto del Paese. Perché abbiamo a cuore la salute di tutti, degli uomini, dell'ambiente, degli ecosistemi, della flora e della fanuna. E siamo stufi di dover lottare con seriali creatori di bufale sui temi collegati in diverso modo all'innovazione. Uncem lavora per ridurre il divario digitale e tutti i gap strutturali che impediscono sviluppo, investimenti, adeguatezza dell'offerta economica, generando spopolamento e desertificazione sui territori in particolare alpini e appenninici": così  Marco Bussone, Presidente Uncem, che negli ultimi giorni ha incontrato numerosi Sindaci dei 120 Comuni coinvolti nell'attuazione del Piano nazionale 5G. Per decisione AGCom infatti, oltre alle grandi città, gli operatori dovranno dare il servizio tra il 2019 e il 2020 anche in 120 piccoli centri. Fra questi, uno è nel Biellese, Campiglia Cervo, l'altro nel Vercellese, Sabbia (Varallo)


Nel rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità  si legge che "Gli impianti per telecomunicazione sono  aumentati nel tempo ma l'intensità dei segnali trasmessi è diminuita con il passaggio dai sistemi analogici a  quelli digitali.  Gli impianti WiFi hanno basse potenze e cicli di lavoro intermittenti cosicché, nelle case  e nelle scuole in cui sono presenti danno luogo a livelli di radiofrequenze molto inferiori ai limiti ambientali vigenti. La  maggior parte della dose quotidiana di energia a radiofrequenze deriva dall'uso del cellulare. L'efficienza della rete  condiziona l'esposizione degli utenti perché la potenza di emissione del telefonino durante l'uso è tanto  minore quanto migliore è la copertura fornita dalla stazione radio base più vicina. Inoltre, la potenza media  per chiamata di un cellulare connesso ad una rete 3G o 4G (Umts o Lte) è 100-500 volte inferiore a quella di  un dispositivo collegato ad una rete 2G (GSM 900-1800 MHz). Ulteriori drastiche riduzioni dell'esposizione si  ottengono con l'uso di auricolari o viva-voce. In modalità stand-by, il telefonino emette segnali di brevissima  durata ad intervalli di ore, con un contributo trascurabile all'esposizione personale. Per quanto riguarda le  future reti 5G, al momento non è possibile prevedere i livelli ambientali di radiofrequenze associati allo sviluppo  dell'Internet delle Cose (Iot). Le emittenti aumenteranno, ma avranno potenze medie inferiori a quelle degli  impianti attuali e la rapida variazione temporale dei segnali dovuta all'irradiazione indirizzabile verso l'utente  comporterà un'ulteriore riduzione dei livelli medi di campo nelle aree circostanti".

 

Foto repertorio

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.