1

gdf auto

 VERCELLI 16-10-2020 Due indagati per distrazione

patrimoniale di circa 200mila euro. Un imprenditore vercellese agli arresti domiciliari per bancarotta. Al termine di una complessa indagine in materia di reati fallimentari, la Guardia di Finanza di Vercelli ha denunciato all’Autorità Giudiziaria novarese due imprenditori piemontesi per bancarotta, accertando oltre 1,1milioni di euro di passivo societario e poco meno di 200mila euro di distrazioni patrimoniali a danno dei creditori.
I due indagati, di cui uno vercellese, hanno causato il dissesto di una società cooperativa -  con sede a Novara ma operativa in provincia di Vercelli - attraverso molteplici operazioni
dolose di cattiva gestione, realizzate tramite l’accumulo di ingenti debiti tributari e previdenziali per oltre 600mila euro.
Le Fiamme Gialle vercellesi hanno inoltre ricostruito la dinamica fraudolenta, accertando che i due indagati hanno distratto dalle casse societarie circa 200mila euro a danno dei
creditori, attraverso prelievi ingiustificati e il pagamento di fatture per operazioni inesistenti.
All’esito delle indagini, in considerazione della sistematicità e delle modalità delle condotte illecite, dei precedenti giudiziari e del profilo criminale dell’imprenditore vercellese, su
disposizione del Tribunale di Novara è stata applicata la misura cautelare personale degli arresti domiciliari nei confronti del soggetto, alla luce dell’attuale e concreto pericolo di
fuga nonché di reiterazione di analoghi comportamenti delittuosi.
Il contrasto alle condotte illecite in materia fallimentare rientra tra gli obiettivi perseguiti dalla Guardia di Finanza che quotidianamente opera per ripristinare le necessarie
condizioni di giustizia e legalità, a tutela dei creditori e dell’imprenditoria onesta.

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.